Arredare Casa: essere felici, una stanza alla volta

Letti matrimoniali Flou Crimea: un classico rivisitato


Se siete nostalgici di una vera zona notte, non quelle multifunzione ma quelle dedicate esclusivamente al sonno, alle letture notturne e all’intimità, non potete non apprezzare questo letto matrimoniale.

Nato dal design di Vico Magistretti (1992), è la rivisitazione in chiave moderna e minimalista del baldacchino ottocentesco, con dei particolari funzionali che lo rendono molto confortevole. L’ho visto sere fa a casa di un mio amico architetto e devo dire che me ne sono innamorato. Certo, non è economico, ma qual’è il pezzo d’arredo bello e di marca che costa poco? I letti a baldacchino poi sono particolarmente cari da sempre, sia in metallo sia in legno (anche perché devono essere fatti a regola d’arte, non possono scaricarsi addosso mentre vi girate!).

Questo autentico gioiello ha la testata doppia ma orientabile singolarmente per rendere più comodo l’appoggio. Senza zanzariera la struttura metallica dalle linee pulite ed essenziali si può decorare, dipingere od ornare con tralci di fiori, se volete renderlo romanticissimo. O potete arrotolarci intorno dei nastri di raso colorati.

E quando vi siete stancati di trasformare tutto con la vostra fanstasia, se togliete la parte superiore il letto matrimoniale si adatta a qualsiasi tipo di ambiente e arredo, da quello antico a quello contemporaneo o a una casa con mobili di antiquariato. Guardate la foto di Crimea Flou "scontornato": sembra un letto disegnato adesso!

Ti interessa anche...

Link personalizzati

1 Commento

Real Time Web Analytics