Arredare Casa: essere felici, una stanza alla volta

Come si fa a pulire il lavandino della cucina in modo biologico?


Il lavandino della cucina dovrebbe essere una delle superfici più pulite della nostra casa. Purtroppo, è facile da trascurare e sciacquarlo semplicemente fino a quando non appare pulito ma non si ha intenzione di liberarsi di germi e batteri!

 

Ecco una guida passo passo per pulire il lavandino della cucina in modo biologico perché igienizzato e lucente – senza l’uso di sostanze chimiche nocive o detergenti.
Che cosa è necessario:

Sapone liquido per piatti
Aceto bianco
Bicarbonato di sodio
Salgemma
Limone o lime
Ghiaccio
Straccio vecchio
Spazzolino da denti
Spugna in nylon o morbida

Istruzioni

1. Per la pulizia giornaliera, possono essere utilizzati un sapone delicato e una spugna di nylon o panno morbido. E’ pussibile usare anche pizzico di detergente multiuso o per vetro al sapone di marsiglia ma è importante evitare ammoniaca, candeggina o detergenti abrasivi sull’acciaio inossidabile. Le spugne abrasive dovrebbero anche essere evitate, tutti questi possono alterare finitura del lavello in inox. Dopo la pulizia, risciacquare e asciugare il lavello con un asciugamano morbido o uno straccio.

2. Su base giornaliera, è importante sciacquare il lavandino dopo ogni utilizzo. Il sale e l’acido negli alimenti potenzialmente sono in grado di danneggiare il rivestimento di un lavello in acciaio inossidabile inox, quindi è importante risciacquare da cibo e liquidi per prevenire la corrosione.

3. Dopo aver bagnato tutta la superficie del lavandino, cospargere il bicarbonato sulla superficie. Lavorare il bicarbonato di sodio fino a che diventa una pasta e risciacquare abbondantemente.

4. Per la guarnizione e intorno al buco, mi piace usare un spazzolino a setole morbide imbevuto di una pasta di bicarbonato di sodio o un sapone delicato e strofinare delicatamente il bordo. Risciacquare, ripeto, e finire l’operazione con un panno morbido fino a quando lo straccio viene pulito. Se si dispone di un tritarifiuti, si può utilizzare questa tecnica anche per la protezione di gomma, capovolgendo delicatamente in modo da poter raggiungere e igienizzare anche la parte inferiore. Sareste sorpresi del numero di rifiuti che si nasconde laggiù!

5. Dopo aver terminato l’ultimo passaggio,detergre il lavandino intero con tovaglioli di carta imbevuti di aceto bianco. Lasciare riposare per 20 minuti e poi smaltire i tovaglioli di carta.

6. Riempire il buco del lavello con due tazze di ghiaccio. Versare una tazza di sale grosso sopra i cubetti di ghiaccio. Far scorrere l’acqua fredda e accendere lo smaltimento dei rifiuti fino a quando il ghiaccio è andato. Il ghiaccio e la miscela di sale aiuteranno a togliere la sporcizia e i detriti dagli elementi del tritarifiuti.

7. Tagliare un limone o un lime a metà. Con l’acqua e lo smaltimento dei rifiuti in esecuzione, aggiungere il frutto per lo smaltimento: contribuirà a pulire il drenaggio e a dargli un buon odore allo stesso tempo. Questo è anche un ottimo modo per utilizzare gli agrumi che stanno andando a male.

8. Per i rubinetti e le maniglie, pulire con un detergente delicato. Lo spazzolino da denti può essere usato per ottenere i punti nei difficili da raggiungere. Anche in questo caso, se i punti restano, può essere utilizzato un panno imbevuto di aceto bianco. Una volta che avete finito di pulire, lavate accuratamente ancora una volta e asciugate con un panno morbido. Il lavandino dovrebbe essere limpidissimo!

9) Se avete un lavandino di porcellana ci sentiremo la prossima settimana quando vi dirò come si fa a pulire la vasca da bagno di porcellana o pulire il lavello in modo biologico. Sì perché si può pulire anche il lavello in modo biologico, anche se di un bagno!

Ti interessa anche...

Link personalizzati

1 Commento

Real Time Web Analytics